Archivi categoria: Cinema

Scuola primaria “E. Fermi” di Bogliasco: Attenti al Cine!

I ragazzi di 5^ della Scuola Primaria “E. Fermi”  di Bogliasco hanno seguito un corso sulla grammatica e la sintassi cinematografica. Alla fine degli incontri  hanno affrontato un esame che tutti hanno superato con risultati eccellenti.

COMPLIMENTI!!!!

Questo slideshow richiede JavaScript.

D1D2D3D4D5D6D7D8D9 – D10 – D11 – D12 – D13 – D14 – D15 – D16 – D17 – D18 – D19 – D20

2 commenti

Archiviato in Cinema

Abbas Kiarostami 1940 – 2016

AbbasCinema seats make people lazy. They expect to be given all the information. But for me, question marks are the punctuation of life.
Taste of Cherry

I compiti a casa

Lascia un commento

Archiviato in Cinema

Jim Croce Fan Club

Chi ama il genere Western e chi apprezza Quentin Tarantino ha 37 buone ragioni per vedere Django Unchained. Chi come me fa parte del Jim Croce fan club ne ha 38. Immaginate due uomini a cavallo in campo lungo con le montagne innevate sullo sfondo e sotto I Got A Name… non aggiungo altro.

2 commenti

Archiviato in Cinema, Flaneur

Cineforum on line

Dubuffet, Jean (1901-1985) - 1947 Dhotel Nuance d'abricot (Centre Pompidou, Paris) by RasMarley

Film in rete che, secondo Sc. St., vale la pena di vedere.

Clicca sui link: buona visione

2 commenti

Archiviato in Cinema

Nietzsche in un flipper tra poesia e film

La filosofia nasce dal dialogo, ma il logos vola e ciò che  resta dei pensatori del passato sono solo i testi scritti. E così la filosofia è stata confinata tra le pagine dei libri. Alcuni autori hanno tentato di allentare i vincoli che imprigionano  il pensiero alla forma del trattato scrivendo dialoghi, o ragionando attraverso i miti, o inventando  mondi immaginari. Uno degli autori più originali, e non solo nell’espressione, è Nietzsche: egli usa una scrittura breve che procede per lampi immaginifici.
La filosofia non ama i confini di forma e di genere, si esprime al meglio quando si declina in modi originali. Qui proponiamo la poesia di Gottfried Benn  dedicata al Nietzsche di Torino che dà segni di una follia che non gli lascia scampo ed esplode il giorno in cui, si dice, per strada abbraccia il collo di un cavallo bastonato dal suo padrone.
Come la pallina in un flipper, la filosofia rimbalza e si trasforma in poesia e la poesia in cinema e il cinema può tradursi in pensiero in un andamento circolare che toglie il gesso alle idee e fa filtrare l’aria di cui hanno bisogno per respirare e parlarci.                      

1 Commento

Archiviato in Cinema, Filosofia, Flaneur, Poesia

Esercizio di psicologia sociale # 2

Shades è un cortometraggio  di Michele Manahan. Il  protagonista, Mark, è inserito in una rete di relazioni tra il gruppo dei pari, la famiglia e un rapporto d’amicizia che nasce con Nan, una donna che vive in una realtà immaginaria in cui finge di avere una famiglia che non ha.
Si descrivano:
  • il ruolo che gioca Mark nel gruppo dei pari e da quali elementi lo si può capire;
  • il ruolo che il gruppo degli amici di Mark attribuisce a Nan;
  • la condizione psicologica che il ragazzo vive in famiglia,  tratteggiando le figure del padre e della madre e il rapporto psicologico che li lega;
  • che cosa fa scattare il rapporto di amicizia tra Mark e Nan:
  • il significato simbolico che assumono il mare e gli occhiali da sole

2 commenti

Archiviato in Cinema, Comunicazione non Verbale, Esercizio, Gruppo, Psicologia sociale, Scienze umane

Esercizio di psicologia sociale # 1


 

Premessa

Lo spezzone  è tratto dal film Il massacro di Fort Apache che è stato diretto da John Ford. La scena si svolge nell’alloggio del Sergente O’Rourke, all’inizio, seduti attorno al tavolo, sono presenti  i componenti della famiglia che è composta da:

  • Il Serg. Magg.  Michael O’Rourke (marito e padre)
  • Mary  O’Rourke (moglie e madre)
  • Luogotenente Michael Shannon “Mickey” O’Rourke -Manuel nel doppiaggio in Italiano-  (il figlio).


Bussa alla porta ed entra
– Philadelphia Thursday (figlia del Ten. Col. Owen Thursday che comanda  il forte).
Infine arriva come una furia, preannuciato da una terrorizzata donna di servizio,
– il Ten. Col. Owen Thursday

John Ford costruisce una scena in cui la tensione  si regge sull’intreccio di relazioni  e conflitti di  status e  di ruolo. Ciò che rende la sequenza particolarmente complessa è il luogo dove si svolge, “lo spazio territoriale” della famiglia O’Rourke.

Occorre ricordare che:

  • Michael O’Rourke è  il padre, il marito e il  “capo della casa, che funge da alloggio privato”.  Al contrario, nella gerarchia militare del forte, tra i  presenti,  è il soldato di grado inferiore.
  • Michael Shannon “Mickey” O’Rourke,  il figlio di Michael  ed Mary e lo spasimante ricambiato  di Philly, è fresco di accademia militare ed ha un grado superiore a quello del padre ed è un sottoposto del Ten. Col. Owen Thursday
  • Ten. Col. Owen Thursday è il padre vedovo di  Philly  e l’ufficiale più alto in grado di Fort Apache, ma nell’alloggio è un ospite.
  • Mary  O’Rourke è la padrona di casa,  la moglie  e la madre di due militari ed ex amica della madre di Philly che è morta.
  • Philadelphia Thursday è la figlia.

Esercizio:

Si descriva la scena evidenziando il carattere dei personaggi, i conflitti di ruolo e di status che generano tensione, come gli attori rendono il clima psicologico attraverso la prossemica e la comunicazione non verbale.

 

2 commenti

Archiviato in Cinema, Esercizio, Psicologia sociale, Scienze sociali, Scienze umane