I castighi a scuola: istruzioni per l’uso

After School Punishment by Icky Pic

In Francia, a Tolosa, in una scuola elementare hanno introdotto il “quadrato di isolamento” dove devono stare i bambini che infrangono le regole. L’episodio è sintomatico di una tendenza all’uso di punizioni che si fa strada anche dalle nostre parti.

Silvia Vegetti Finzi interviene sul tema con un articolo che compare sul Corriere della Sera del 4 dicembre 2011

2 commenti

Archiviato in Articolo, Educazione, Pedagogia

2 risposte a “I castighi a scuola: istruzioni per l’uso

  1. Schoolstorming

    Ecco, proprio così…”I bambini meritano di essere felici”. Parole sacrosante. Grazie della bella segnalazione, prof. GT. 🙂
    Loretta

  2. marinina nai

    ben detto i bambini dovrebbero vivere sereni e spensierati ed essere felici!!……. purtroppo alcuni di loro affrontano la realtà molto precocemente degli altri …. e in qualche modo si “rovinano” L’infanzia ma anche si costruiscono nel loro piccolo una “grossa corazza” …. ( ne so qualcosa credetemi ….) e spesso vengono giudicati in modo strano sia dai compagni che da insegnanti …… quindi …. Viva la felicità dei bambiniiiiii .. 🙂 ps non c’entra molto ma volevo lasciare un commento su questo blog !! Martina Nai

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...