Moby Dick e Pollicino


 

 

Il flaneur con le mani in tasca si fa avvolgere dalla città, ci passeggia attraverso, non ha una meta e dunque neppure un percorso obbligato. Vive in un tempo circolare che non ha né inizio né fine, il suo sguardo si posa sulle cose e coglie i suoni che arrivano a frammenti. A saper guardare e ascoltare il mondo è pieno di cose interessanti. A volte il flaneur si imbatte in storie e pensieri che annota su un taccuino. Il podcast è un estratto di Melog, una trasmissione  di Radio 24 trasmessa il 5 gennaio 2011, la voce è di Alberto Salza, un antropologo che riflette sul possesso, sul lasciare morire e racconta la storia dei fogli di Moby Dick che diventano le briciole di  Pollicino.

Lascia un commento

Archiviato in Antropologia, Camminare, Flaneur

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...