Kindle – dalla carta allo schermo

… quel tipo di concentrazione che conosciamo bene: nevrotica, incostante, affamata di qualcos´altro. Come siamo noi. Il Kindle è come noi, questo è il suo limite, mentre il libro non è mai stato simile alle persone che lo leggevano. Non a caso esiste più o meno da quando gli uomini portavano le calzamaglie e senza aver subito grosse metamorfosi.

Elena Stancanelli da “La Repubblica” 21-11-2009

G.To.

Lascia un commento

Archiviato in Educazione, New Media

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...