Il centro siamo noi, il tema scelto è ciò che ci piace

In terza, “l’inizio del triennio”, si tratta di definire lo stage-formativo su cui lavorare. Il consiglio di classe decide di partire dall’interesse degli studenti. Il tema scelto è “Teatro e didattica”, intrecceremo due piani di lettura: l’uno, il teatro, che rappresenta la realtà sotto forma di spettacolo; l’altro, la didattica, che la spiega e l’analizza. Il primo che mette in scena la vita e i sentimenti e usa il linguaggio del corpo e dello spazio. L’altro che analizza la realtà e ha il proprio centro nella ragione e nel libro il suo strumento principale. D’altronde, la scena non è forse una metafora della vita sociale? Erving Goffman ci ha scritto su un libro che abbiamo letto e studiato. E il termine “ruolo” non deriva forse dal teatro? E persona non significa maschera?

Lascia un commento

Archiviato in Educazione, Teatro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...